mercoledì, dicembre 06, 2006

 

Il fumetto è vita (se è vero che la vita è fumetto)/1

L’inconsistenza della vita umana non è argomento che mi appassioni – e se scrivo qua dell’iconologia del San Soicchéiohillè del Pontormo e della relativa metamorfosi curturale in balloon è solo in seguito alla recente scoperta della divinità di Garth Ennis. Prima di 'sta teofania nemmeno sapevo che Garth è un rispettabilissimo nome gaelico e credevo anzi che non ci fosse altro Garth all’infuori della sillaba fantalinguistica che denomina il pianeta in cui i gorilla si sono auto-evoluti in specie senziente (teste David Brin e il suo ciclo delle Cinque Galassie). Ma la fatascienza ci fa una pipa, anzi se la fuma proprio (addormentando così “la bete” con lo stesso metodo praticato dal Tristano che ci ha suggestionato il titolo di ‘sto fumettoso pseudopost), e nel frattempo qua si voleva dire che.
The Preacher è un impasto di mitologia cristiana con una sceneggiatura degna di Tarantino. Ci sono anche svariate mommy majale. A saper usare fotosciòp, aggiungerei anche a loro la tuta in latex giallo radicale.



Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us)
Ping a technorati Ping a technorati Ping a technorati Ping a technorati

Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link


<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?