lunedì, settembre 18, 2006

 

MI VERGOGNO!

td
Stavo dando un'occhiata ad una trasmissione deprecabile, "Chi l'ha visto?", quando mi è toccato di dover spalancare gli occhi e chiedere a me stessa e a chi era con me: ma di cosa stiamo parlando? La trasmissione stava illustrando le meraviglie del caporalato nel Tavoliere, una piaga antica, mai debellata, contro cui aveva combattuto Di Vittorio, e la sparizione misteriosa di almeno centodiciannove, dico 119, polacchi arruolati in patria, giunti fin nelle Puglie a lavorare, e quindi volatilizzati. Poi si è parlato di campi di lavoro ospitanti centinaia, dico centinaia di persone, in maggioranza polacchi, sorvegliate, affamate, pagate due lire per essere buttate giù dalle brande alle quattro del mattino e costrette a lavorare fino al tramonto, seviziate da caporali polacchi anch'essi, al servizio però di schiavisti italiani. E allora sì che mi chiedo, stupita dopo tanto tempo, ma di cosa si sta parlando? Si sta dicendo che nessuno, non la polizia che in quelle zone pullula, non i carabinieri del posto, non un passante, non un satellite, non un elicottero della protezione civile o delle forze armate, si sia accorto di un campo di concentramento campestre in pianura, non sulle cime più sperdute e irragiungibili dell'Aspromonte o della Barbagia? Ho capito bene? Temo di sì, dopo il primo momento non mi stupisco più. Mi vergogno. Come essere umano, come donna europea, italiana, pugliese.


Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us)
Ping a technorati Ping a technorati Ping a technorati Ping a technorati

Commenti:

Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link


<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?