sabato, settembre 23, 2006

 

INCUBO


Sono reduce da un incubo. Ho sognato che Romano Prodi, Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana stringeva la mano ad Ahmadinejad e che questi, dopo un lungo e complicato discorso di quelli che fanno gli uomini di stato tra loro, manifestava apprezzamento per il professore. Ora, io so che Prodi non stringerebbe mai la mano a un tiranno che nega l'Olocausto, fa piani per distruggere Israele e, nel frattempo, sevizia il suo popolo, in particolare le donne del suo popolo. E' troppo una brava persona, Prodi, per fare cose di questo genere. Ho sognato anche che Prodi diceva ad Ahmadinejad: "non arriviamo al baratro". Non ho sognato che Ahmadinejad diceva: "certo mio caro, scusa, anzi, scusate tutti voi iraniani, e voi paesi del mondo, e soprattutto voi israeliani, non volevo ferirvi, ho sbagliato". Chissà come mai questo non l'ho sognato.
Sono ancora terrorizzata dal mio incubo, ma penso che sia davvero, davvero irreale, quindi mi posso calmare.


Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us) Attiva le categorie (Del.icio.us)
Ping a technorati Ping a technorati Ping a technorati Ping a technorati

Commenti:

Cara pv, abbiamo bisogno del petrolio dell'Iran, del gas, dei buoni rapporti commerciali con la Cina. Non c'è spazio per una vera politica estera. Non è malvagio colui che è stato soprannominato Mortadella da Feltri, epiteto emblematico di un anelito ideale di mantenimento di un certo benessere qui. Qui, il paradiso degli Sati Uniti, dove per mangiare decentemente e vestirsi bene, occorre cambiare continente. Se decidessimo tutti di rinunciare al superfluo, senza vivere in un Soviet o in una realtà cubana (allora meglio la morte, checché ne pensi la sinistra radicale...ahaha, meglio di tutti la morte dei Barbudos per cui continuo a pregare, come fanno in Florida). Dicevo, si potrebbe vivere una vita bella e dignitosa con metà dell'energia se tutti si mettesro volontariamente a sprecare meno, per motivi ideali. Ma essendo impraticabile c'è da sperare nell'energia eolica, solare, nella fusione tra 30 anni...e nelle donne iraniane, che si incazzino di brutto.

Non capisco, ma non vorrei essere ingiusto, il ruolo dei nostri soldati in Libano. In pratica non possono fare nulla, se mai difendersi. Chi ferma i missili Hezbollah se ripartono verso Israele? scavalcando la forza di interposizione...perdonate la mia poca sagacia.
 
Posta un commento

Link a questo post:

Crea un link


<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?